SPEDIZIONE GRATUITA OLTRE 59€ DENTRO L’EUROPA
SCRIVI UNA RECENSIONE SU UN PRODOTTO DA TE PROVATO E RICEVI UN BUONO DEL 20%

IL BENESSERE È UN VIAGGIO: Daniel Lumera sul potere della gentilezza: molto più di quanto potresti mai immaginare!

Sappiamo tutti quanto sia importante essere gentili verso gli altri.
Ma a meno che tu non abbia seguito l'autore di fama mondiale e bestseller Daniel Lumera, potresti non renderti conto che la gentilezza può letteralmente migliorare la tua salute, farti vivere più a lungo e persino guarire il pianeta.

Daniel è una personalità affascinante: un ricercatore universitario che ha studiato con un discepolo di Gandhi. Uno scienziato che ha scoperto come la gentilezza possa letteralmente cambiare il nostro DNA. Ed è un sostenitore dell'"ecologia interna", una nuova filosofia scientifica che esplora come la salute del nostro essere interiore abbia un legame diretto con la salute del pianeta.

Descrivi il tuo percorso.

Ho frequentato l’Università delle Scienze Naturali e sono entrato all’Università di Siena come sociobiologo e ricercatore nella comunicazione dei processi culturali. Poi ho abbandonato il corso per seguire la mia vocazione: portare un approccio innovativo alla scienza del benessere e alla connessione tra culture antiche e neuroscienze moderne. Insegno ancora nel corso di laurea e nei corsi di formazione all’università come parte del corpo docente esterno.

La mia traiettoria di vita è iniziata molto presto perché, parallelamente al percorso universitario, ho avuto anche l’opportunità di studiare con uno dei discepoli di Gandhi, Anthony Elenjimittam, che mi ha introdotto alla cultura Indovedica, all’arte della meditazione, alla disciplina, alla perseveranza e alla pazienza. Tutto questo è stato decisivo nel mio lavoro e nelle mie scelte di vita.

Ho incontrato la felicità quando ho iniziato davvero a seguire il mio cammino, che è sbocciato presto, all’età di 19 anni e all’inizio della mia carriera universitaria. Ho promesso alla mia famiglia che avrei proseguito nei miei studi, ma allo stesso tempo che avrei coltivato la mia vocazione, che è molto più di una passione. È la mia chiamata e il mio scopo, che si è trasformato nel mio stile di vita e anche nella mia attività. Il mio compito è sempre stato quello di creare un ponte tra le neuroscienze e le conoscenze antiche e applicare i risultati di questa ricerca per migliorare la qualità della vita nel mondo contemporaneo, sensibilizzando il più possibile affinché impariamo a non sfruttare più le risorse del pianeta, diventando invece garanti e custodi della sua bellezza.

È ancora possibile parlare di "qualità della vita" oggi?

Parlare di qualità della vita è non solo possibile, ma è soprattutto necessario. La qualità della vita e il benessere sono multidimensionali e influenzano la dimensione fisica, e anche la forza vitale, l’aspetto relazionale ed emotivo e quindi la nostra intelligenza emotiva. Regolando la nostra vita emotiva e mentale, abbiamo la capacità di rendere la mente funzionale e armoniosa ed eliminare i nostri pensieri tossici, quelle disarmonie che portano a sofferenza e malattia. Inoltre, il benessere influisce anche sulla narrazione del nostro passato e sulla nostra dimensione esistenziale: il nostro scopo, il significato più profondo e autentico della nostra vita e la nostra vocazione.

Gentilezza e benessere, come sono collegati?

La scienza oggi ci mostra che se scegliamo di essere premurosi verso gli altri, mostrare gentilezza, gratitudine, empatia, perdono e compassione, non solo soddisfiamo degli imperativi etico-morali, ma supportiamo effettivamente la nostra struttura biologica per vivere meglio e più a lungo. La gentilezza è anche una risorsa eccellente per ottenere risultati migliori sul lavoro, migliorando il lavoro di squadra e la produttività.

D’altro canto, la ricerca scientifica ha sempre dimostrato che la discriminazione e l’ostilità di ogni genere, dal razzismo all’omofobia, causano gravi malattie croniche e un aumento dei tassi di criminalità. La gentilezza e il benessere sono una strada a doppio senso, coinvolgendo anche la “mente ecologica”: proprio come la nostra mente può influenzare gli ambienti esterni in meglio o in peggio, così il nostro ambiente psicofisico ed emotivo è influenzato dall’ambiente che ci circonda, nella stretta interdipendenza e interconnessione tra tutte le forme di vita.

Possiamo quindi dire che la gentilezza è un vero antidoto all'invecchiamento?

Assolutamente sì. La gentilezza non è solo benefica per la salute di chi la pratica e di chi la riceve. Basta assistere ad un atto di gentilezza da parte di qualcun altro per far sì che si attivino in noi una serie di meccanismi biologici che portano alla produzione di ormoni legati al piacere e alla felicità, con una conseguente riduzione degli ormoni legati allo stress.

Inoltre, ci sono due modi per praticare la gentilezza: internamente, cioè meditando sulla gentilezza, ed esternamente, attraverso atti di gentilezza. In entrambi i casi, c’è un impatto importante sui nostri telomeri, le estremità dei nostri cromosomi che costituiscono il materiale genetico della nostra salute e longevità. Questo è stato dimostrato in studi che abbiamo condotto con Immaculata De Vivo, professoressa di medicina alla Harvard Medical School e di epidemiologia alla Harvard School of Public Health, una delle massime esperte al mondo nel campo dell’epidemiologia molecolare e della genetica del cancro. La professoressa De Vivo ha studiato un gruppo di donne che hanno praticato la meditazione della gentilezza per quattro anni, riportando un aumento della lunghezza e una migliore conservazione dei telomeri rispetto al gruppo che non ha praticato questo tipo di meditazione. Inoltre, la ricerca scientifica ha dimostrato che coloro che coltivano un atteggiamento altruista hanno un tasso di mortalità inferiore del 60% e un’aspettativa di vita superiore compresa tra il 22% e il 44%. La gentilezza ha un impatto genetico innegabile e ci consente di vivere più a lungo e in salute: è una vera medicina naturale.

Dici che la gentilezza può essere imparata. Quali esercizi possiamo fare per allenarci?

Il primo consiglio è molto semplice: praticare quattro atti di gentilezza ogni giorno. Il primo verso se stessi, il che significa rispettare i propri ritmi e comprendere le proprie esigenze profonde e personali, non quelle legate a motivi sociali o economici. Il secondo è un atto di gentilezza verso un’altra persona e deve essere incondizionato e sincero. Il terzo è verso un animale e il quarto è verso la natura, per la protezione del nostro pianeta. Piccole azioni ogni giorno, con la consapevolezza di ciò che stai facendo, possono davvero fare la differenza. Un altro esercizio di gentilezza che vorrei raccomandare è la meditazione della gentilezza amorevole, che ho registrato qualche tempo fa ed è disponibile online, oltre a essere presente nel podcast Audible “Benessere H24”.

In una cultura dominata dalla conoscenza su "come fare", puoi spiegare l'importanza di sapere "essere"?

Sapere “essere”, a differenza di sapere “fare” o “avere”, è ciò che ci consente di comprendere veramente il nostro mondo interiore e di gestire sia la dimensione emotiva che quella cognitiva. Questa dimensione esistenziale riguarda il nostro scopo e la nostra vocazione.

Menzioni spesso la parola "consapevolezza". Cosa significa aumentare il proprio livello di consapevolezza?

Aumentare il proprio livello di consapevolezza significa conoscersi più profondamente. La consapevolezza ci permette di avvicinarci al nostro scopo, al significato più profondo della nostra esistenza. Ad esempio, avere consapevolezza del nostro dolore crea l’esperienza della compassione, così come avere consapevolezza del disagio o della sofferenza degli altri crea l’impulso di gentilezza ed empatia. Avere consapevolezza della vita crea uno stato di meraviglia e gratitudine per il miracolo in cui siamo immersi. La consapevolezza è un fattore determinante della felicità, del benessere e dell’autenticità.

Cos'è veramente la meditazione e come aiuta

La scienza ha dimostrato che la meditazione influisce sul nostro DNA, modifica i geni e rallenta l’invecchiamento, e influisce persino sull’attività dei geni legati all’infiammazione, alla morte cellulare e al controllo dei radicali liberi. Bastano solo due mesi di pratica meditativa per modificare circa 1.500 geni! La meditazione riduce lo stress, il dolore e le malattie croniche, comprese le malattie cardiache, l’obesità e i disturbi d’ansia. Ci sono centinaia di studi che dimostrano l’effetto profondo della meditazione sulla nostra capacità di regolare le emozioni. È stato scoperto di recente che praticare la meditazione riscrive letteralmente il nostro cervello e migliora la nostra intelligenza emotiva, incoraggiando azioni più riflessive e responsabili per costruire una società eco-sostenibile.
I benefici della meditazione sono stati riscontrati non solo in chi pratica regolarmente, ma anche tra i principianti. Interessante è che nel 2019 uno studio collaborativo di diverse università statunitensi ha riportato che in particolare la meditazione della gentilezza amorevole ha fornito una protezione dei telomeri potenziata dopo sei settimane.
Inoltre, le neuroscienze hanno concluso che non è necessario dedicare un’intera ora alla meditazione; anche solo pochi minuti al giorno comportano enormi benefici.

Diffondi la gentilezza!

Concentrandoci sulla gentilezza, verso noi stessi, gli altri e il mondo, non solo possiamo rendere noi stessi felici, ma possiamo diffondere la felicità in ogni angolo della terra. Grazie all’ispirazione di Daniel, prendiamo parte a questo straordinario nuovo movimento dell’ecologia interna e iniziamo a generare più gentilezza positiva e vitale.”

0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna al negozio